Altri annunci di CRISTIANO LUZZAGO

Devi effettuare l'accesso prima poter inviare messaggi

Accedi

Mg 1934 MG PA RACING EX MUSEO QUATTRORUOTE

  • Pubblicato il in  Mg
  • 83
Descrizione
MARCA MG MODELLO PA ANNO 1934 TELAIO PA 0827 MOTORE BRC (British Motor Corporation) Ford serie E63 CILINDRATA 1183cc KM INDICATI 0 CERTIFICAZIONI REGISTRO TRIPLE M – ISCRIZIONE N.3626 INTERNO VINILE ROSSO ESTERNO NERO CAPOTE NERO ACCESSORI La vettura è configurata in allestimento sportivo ma sono presenti nella dotazione le seguenti parti originali:

·       Parabrezza

·       Telaio capote

·       Sedili con schienale a panchetta NOTE ·       Inserita nel Registro Tripla M con il n.3626.

·       Nata di colore blue.

·       Motore originale n.1080 AP.

·       Body n.MG 520.

·       Carbodies n.452.

Completata il 26 aprile 1934 e venduta il 5 maggio alla signorina G.Gasser di Portsmouth.

L’agente era Wadhan Brother di Waterlooville Hampshire.

Importata in Italia alla dogana di Ventimiglia nel 1961 ed immatricolata a la Spezia il 26/09/1962 con telaio d’ufficio 1121/1.

Iscritta al Pubblico registro automobilistico al primo proprietario con targa SP28193 fu successivamente venduta  nel 1968 ad  un collezionista di Torino con immatricolazione TO A93178.

In seguito passò al MUSEO QUATTRORUOTE.

Dopo il decesso di Mazzocchi proprietario di editoriale Domus e del Museo Quattroruote, parte della collezione passò al Museo IFAS di Torino.

La vettura in seguito fu venduta ad un collezionista di Torino che la cedette dopo poco all’ultimo proprietario il quale ha eseguito il restauro integrale portandola allo stato attuale.

L’auto monta un motore BRC (British Motor Corporation) brevetto Ford serie E63, un motore a valvole laterali semplice e indistruttibile.

Molto più affidabile del motore MG che aveva un noto problema di sgranamento dell’ingranaggio conico di accoppiamento con l’albero a camme in testa.

Nelle MG usate per le competizioni era una trasformazione consueta sostituire il motore con un E63 da abbinare ad una testata e collettore Aquaplane.

In alternativa poteva essere abbinato un compressore.

Questo motore affidabile e generoso, fu montato su molte barchette sport inglesi a cavallo del conflitto mondiale.

Continuò a restare in produzione per le sue doti sino al dopoguerra quando fu installato anche sulle prime Lotus.

Prima del restauro sulla massa radiante era verniciata una scacchiera bianca e nera, finitura tipica delle auto Inglesi utilizzate nelle competizioni.

Molto probabilmente l’auto ha un passato sportivo in Inghilterra.

NOTE ·       Inserita nel Registro Tripla M con il n.3626.

·       Nata di colore blue.

·       Motore originale n.1080 AP.

·       Body n.MG 520.

·       Carbodies n.452.

Completata il 26 aprile 1934 e venduta il 5 maggio alla signorina G.Gasser di Portsmouth.

L’agente era Wadhan Brother di Waterlooville Hampshire.

Importata in Italia alla dogana di Ventimiglia nel 1961 ed immatricolata a la Spezia il 26/09/1962 con telaio d’ufficio 1121/1.

Iscritta al Pubblico registro automobilistico al primo proprietario con targa SP28193 fu successivamente venduta  nel 1968 ad  un collezionista di Torino con immatricolazione TO A93178.

In seguito passò al MUSEO QUATTRORUOTE.

Dopo il decesso di Mazzocchi proprietario di editoriale Domus e del Museo Quattroruote, parte della collezione passò al Museo IFAS di Torino.

La vettura in seguito fu venduta ad un collezionista di Torino che la cedette dopo poco all’ultimo proprietario il quale ha eseguito il restauro integrale portandola allo stato attuale.

L’auto monta un motore BRC (British Motor Corporation) brevetto Ford serie E63, un motore a valvole laterali semplice e indistruttibile.

Molto più affidabile del motore MG che aveva un noto problema di sgranamento dell’ingranaggio conico di accoppiamento con l’albero a camme in testa.

Nelle MG usate per le competizioni era una trasformazione consueta sostituire il motore con un E63 da abbinare ad una testata e collettore Aquaplane.

In alternativa poteva essere abbinato un compressore.

Questo motore affidabile e generoso, fu montato su molte barchette sport inglesi a cavallo del conflitto mondiale.

Continuò a restare in produzione per le sue doti sino al dopoguerra quando fu installato anche sulle prime Lotus.

Prima del restauro sulla massa radiante era verniciata una scacchiera bianca e nera, finitura tipica delle auto Inglesi utilizzate nelle competizioni.

Molto probabilmente l’auto ha un passato sportivo in Inghilterra.   CONDIZIONI DI VENDITA

Poiché potrebbe verificarsi un ritardo nell’aggiornamento degli annunci il prezzo pubblicato è da considerarsi indicativo.

C.L. si riserva la facoltà di modificare i prezzi di listino in funzione delle migliorie apportate ai veicoli o alle variazioni di mercato. Si invita a fare riferimento al listino ufficiale disponibile in sede.

I dati e le informazioni del veicolo in vendita potrebbero contenere errori o imprecisioni.

Pertanto la descrizione è puramente indicativa e non ha valore contrattuale.

C.L. non risponde per la eventuale mancanza o difformità delle componenti rispetto alle caratteristiche originali di produzione dei veicoli ed è quindi fatto onere all’acquirente di mettere in atto tutte le verifiche necessarie prima di procedere all’acquisto .

MOLTE FOTO DETTAGLIATE NEL SITO www.cristianoluzzago.it

Cristiano Luzzago

“THE BLUE ROOM”

Via don Bergomi 6

25030 Castel Mella–Brescia -Italy

Mob.+39-328-2454909

info@cristianoluzzago.it

Specifiche
Anno * 1934
Carrozzeria Cabriolet
Colorenero
Cilindrata1183
Alimentazione Benzina
Cambio Manuale
Vendo / Compro Vendo
Iscrizione Registro ASI * No
Tipo certificato -
Targa-
Numero certificato-